Il Museo Egizio di Torino: immersione totale nell’antichità

Tra gli scrigni della Città c’è indubbiamente il Museo Egizio di Torino. Come quello del Cairo è dedicato totalmente all’arte e alla cultura dell’Egitto antico.

Molti studiosi di fama internazionale, a partire dal decifratore dei geroglifici egizi, Jean-François Champollion, che giunse a Torino nel 1824, si dedicano da allora allo studio delle sue collezioni, confermando così quanto scrisse Champollion. “La strada per Menfi e Tebe passa da Torino”.

Il Museo delle Antichità Egizie è costituito da un insieme di collezioni che si sono sovrapposte nel tempo, alle quali si devono aggiungere i ritrovamenti effettuati a seguito degli scavi condotti in Egitto dalla Missione Archeologica Italiana tra il 1900 e il 1935. In quell’epoca vigeva il criterio secondo cui i reperti archeologici erano ripartiti fra l’Egitto e le missioni archeologiche. Il criterio attuale prevede che i reperti rimangano all’Egitto.