Stop internazionale: ma quando riprenderanno i tornei di calcio?

E’ uno stop internazionale nel mondo dello sport. Ad iniziare dal calcio. Tra le prime a fermarsi è stata la Serie A italiana. Anche la Uefa fa i conti con l’emergenza sanitaria legata al Covid-19. In quarantena si trovano club illustrri come Real Madrid e Juventus. Tutto un movimento si ferma e si interroga. Gli interessi sono enormi, dai milioni di appassionati senza calcio alle pay-tv a corto di eventi da trasmettere al settore delle scommesse sportive. Per avere un’idea di quest’ultimo ambito basta fare una ricerca alla voce “bookmakers stranieri italia” per avere un quadro di quanti operatori sono attivi nel mondo del betting. Ma non si può fare diversamente. Causa forza maggiore si impone lo stop internazionale.

Il Governo del calcio fa i conti anche con un Europeo itinerante a forte rischio. L’evento è in programma per la prossima estate. Ma quando riprenderanno i tornei di calcio nazionali si potranno concludere in tempo? L’idea allo studio è di slittare il torneo per Nazioni europee. Infatti i maggiori campionati europei chiedono lo slittamento che permetta loro di concludere in estate i campionati attualmente sospesi. E’ difficile ipotizzare che 60 mila persone potranno affollare l’Olimpico di Roma per la gara inaugurale dell’Euro 2020.

“Tutte le partite delle competizioni Uefa per club in programma la prossima settimana sono rinviate”. Ad annunciarlo è l’Uefa in una nota. Tra queste, le rimanenti partite di ritorno degli ottavi di Champions League del 17 e 18 marzo, tutte le gare di ritorno degli ottavi di Europa League del 19 e tutte le partite dei quarti di Uefa Youth League del 17 e 18. Ulteriori decisioni sulle date di recupero delle suddette partite saranno rese note a tempo debito. A causa dei rinvii, slitta anche il sorteggio dei quarti di Champions League e Europa League del 20 marzo. L’Uefa ha invitato i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate, i consigli della European Club Association e delle leghe europee e un rappresentante di FifPro a un meeting in video-conferenza per martedì 17 marzo, per parlare delle modalità di risposta del calcio europeo alla pandemia da Covid-19. Nell’occasione si deciderà anche se far slittare gli imminenti Europei.

Stop anche alla Premier League. Il campionato britannico è pronta a fermarsi fino al 4 aprile, scrive la Bbc. Arsenal, Chelsea e Everton si sono messi in autoquarantena a causa del contagio di diversi giocatori. Anche le tre serie minori del calcio professionistico inglese hanno deciso di fermarsi, con una decisione presa all’unanimità. Salta anche l’amichevole Inghilterra-Italia, in programma il 27 marzo a Wembley.

La lega calcio professionisti francese (Lfp) ha annunciato la sospensione della Ligue 1 e della Ligue 2 fino a nuovo avviso e con effetto immediato. La 29esima giornata di L1 e L2, prevista in questo fine settimana, non sarà disputata.

Anche la Bundesliga si ferma per la pandemia del Covid-19. Il massimo campionato tedesco chiuderà i battenti da martedì prossimo almeno sino al 2 aprile.

Uno stop internazionale e generalizzato. Tornando all’Europeo, se non fosse possibile giocare il torneo questa estate, esistono tre possibilità per ricollocare la manifestazione in una data successiva a giugno. La prima è di non cambiare l’anno, organizzando l’Europeo sempre 2020, ma in autunno. Si studiano sia il mese di settembre, con inizio dei campionati ad ottobre, sia novembre, quindi interrompendo i tornei nazionali (e le coppe Europee) regolarmente calendarizzati. Scenario non inverosimile, visto che nel 2020 i Mondiali si giocheranno a dicembre. Questa soluzione imporrebbe però di giocare gli spareggi (in programma a fine marzo) al più tardi a giugno.

Si potrebbe anche posticipare l’Europeo al 2021, giocandolo per la prima volta in un anno dispari. Darebbe tutto il tempo necessario per disputare senza fretta gli spareggi mancanti e riorganizzare i calendari dei campionati nazionali. Ma dal 17 giugno al 4 luglio 2021 la Fifa ha fissato il debutto della nuova Coppa del Mondo per club. Sul nuovo torneo la Fifa punta molto.

Nel 2022 è in programma il Mondiale di calcio in Qatar che sarà però giocato a dicembre 2022. Le date estive sono più libere. Ci potrebbe essere un margine per inserire un’edizione dell’Europeo di “recupero” nei mesi estivi, a ridosso della fine dei campionati. Magari trasformando il torneo in una strada alternativa per qualificarsi ai Mondiali invernali.